Covid Italia, il bollettino di oggi 25 giugno: i dati aggiornati

Covid Italia, i dati aggiornati del 25 giugno: ecco il bollettino con contagi, morti e guariti delle ultime 24 ore.

covid-19 terapia intensiva
Pixabay

Cresce la paura anche in Italia per la variante Delta. La mutazione del Covid sta iniziando a circolare rapidamente anche nel nostro paese: in alcune Regioni c’è già qualche focolaio. La Campania, in particolare, sembra essere quella più in difficoltà: De Luca ha già deciso alcune restrizioni importanti.

Il Governatore della Regione Campania ha scelto di vietare l’asporto di alcolici dopo le ore 22 e di non bloccare l’uso della mascherina all’aperto (come accadrà in tutte le altre Regioni italiane). “Si sta preparando una nuova pesante chiusura a Napoli“, ha annunciato. Guardiamo insieme il bollettino di oggi 25 giugno 2021, focalizzando la nostra attenzione sui nuovi positivi, sul tasso di positività e sui decessi.

Covid Italia, il bollettino di oggi 25 giugno

Stando all’ultimo bollettino diramato, sono 753 i nuovi casi: il tasso di positività (0,4%) scende leggermente rispetto alla giornata di ieri (0,5%).

Reparto in ospedale
Reparto Ospedale (pixabay)

I morti registrati tra ieri e oggi sono 56 (questo dato è aumentato rispetto a 24 ore fa). Il Ministero ha però precisato che 21 dei 56 decessi registrati sono frutto di un ricalcolo avvenuto in Puglia. Cala ancora la pressione sugli ospedali: il numero di ricoveri ordinari è inferiore a 2mila.

–> LEGGI ANCHE COVID ITALIA, IL BOLLETTINO DI OGGI 24 GIUGNO: I DATI AGGIORNATI 

–> LEGGI ANCHE COVID ITALIA, SCOPERTO FOCOLAIO VARIANTE DELTA 

Scende ancora il numero di pazienti in terapia intensiva (-22, al momento ne sono 306), e quello dei pazienti nei reparti ordinari (-128). Continua senza sosta la campagna di vaccinazione di massa: in diverse città italiane ci sono open day per vaccinare anche i giovani. Dagli Stati Uniti, però, arriva l’ennesimo allarme: in circa 500 adolescenti vaccinati contro il Covid ci sono state delle infiammazioni del cuore. Gli effetti delle dosi continuano a tenere banco: dopo il caso Astrazeneca e l’idea dei mix (seconda dose diversa per gli under 60 che hanno ricevuto il Vaxzevria), si è sollevato un polverone di polemiche.