Caso Pipitone: la confessione dell’ex marito di Piera Maggio

A parlare ai microfoni della trasmissione di Rete 4 è l’ex compagno della madre di Denise Pipitone, che racconta la sua verità

Piera Maggio (Instagram)
Piera Maggio madre di Denise Pipitone (Instagram)

Da mesi non si parla d’altro che della vicenda di Denise, la bambina scomparsa ancora nel lontano 2004 e mai più ritrovata. Sull’argomento hanno preso la parola praticamente tutti, tra ex pm e nuovi testimoni.

Mancava solo lui, tenutosi sempre in disparte, almeno fino ad ora. Ieri, hai microfoni della trasmissione Quarto Grado, ha parlato per la prima volta Toni Pipitone, l’ex marito di Piera Maggio.

Gianluigi Nuzzi, così come la redazione del programma, nonostante la diffida della donna, non hanno nessuna intenzione di smettere di occuparsi del caso mediatico, seppur cercando di arginare i problemi legali che potrebbero venirne.

L’uomo ha raccontato come ha vissuto i primi, concitati giorni dopo la scomparsa della piccola e quanto la vicenda l’abbia colpito.

Toni Pipitone: “Per me era mia figlia”

Questo è quanto, in sintesi, ha dichiarato alla trasmissione di approfondimento. “Sono stato e sono il suo papà” ha spiegato al conduttore di Quarto Grado, che ieri ha ricordato anche il suo collaboratore Giangiavino Sulas, morto nella notte a 77 anni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Quarto Grado (@quartogradotv)

Il padre biologico di Denise, come si sa, è naturalmente Piero Pulizzi, all’epoca sposato con Anna Corona, madre di Jessica. Una situazione che è stata presa spesso in considerazione come uno dei motivi che hanno portato al rapimento della piccina di Mazara del Vallo.

Toni ha raccontato di quanto il legame tra lui e quella che riteneva figlia sua fosse stretto e molto affettuoso: “Abbiamo vissuto insieme dei momenti bellissimi. Ha dormito con me fino alla notte prima”.

Ha infine ricordato i tragici momenti seguiti alla sua sparizione, quando si è messo attivamente alla sua ricerca, guardando e andando ovunque: “Ho preso subito la macchina e ho inziato a girare per cercarla. Le piste all’inizio erano tante”.

–> Leggi anche Denise Pipitone a “Chi l’ha visto?”: l’intercettazione di Jessica Pulizzi

–> Leggi anche Denise Pipitone, l’ex pm Angioni spiega perchè è stata indagata

Infine, rivolgendosi a chi sta lavorando sul caso ha lanciato un messaggio di solidarietà e speranza: “Dobbiamo. avere tutti lo stesso obiettivo: trovare Denise. Spero di esserci quando accadrà”