Minacce di morte ed estorsione: giro di usura sgominato dai Carabinieri

Maxi operazione dei militari che ha portato all’arresto di numerose persone coinvolte in un giro di usura. I malcapitati minacciati di morte

Carabinieri (Instagram)
Pattuglia dei Carabinieri (Instagram)

L’operazione dei Carabinieri è partita questa mattina verso le 7 e ha portato all’arresto di persone abitanti sul litorale del centro Italia che prestavano denaro con interessi altissimi, vittime dei commercianti della zona.

I soggetti non si limitavavano al reato di usura, ma arrivavano anche a minacciare i poveretti di morte qualora non avessero restituito i soldi.

L’indagine è iniziata dopo che una delle vittime ha trovato il coraggio di denunciare la sua situazione e si è presentata in caserma dai militari.

Gli usurai oltre a minacciare i diretti interessati, spesso costretti al prestito per salvare le attività di famiglia, allargavano la loro attenzione anche ai parenti e conoscenti, spingendoli a contrarre ulteriori debiti per poterli pagare.

Una situazione terribile che oggi è stata fermata dagli uomini dell’Arma che hanno posto in custodia cautelare i criminali.

Il litorale romano non nuovo a fatti di usura

I soggetti finiti in manette sono sei, tutti abitanti sul litorale sud di Roma tra Anzio, Nettuno e Ardea. Tre di loro sono stati portati in carcere, mentre gli altri tre sono finiti agli arresti domiciliari.

Anzio (Youtube)
Anzio provincia di Roma (Youtube)

I fatti sono successi tra il 2015 e il 2019 e quanto avvenuto stamattina è la fase conclusiva dell’operazione voluta dal G.I.P. del Tribunale di Velletri e dalla Procura locale.

Nel contempo, la Guardia di Finanza della Compagnia di Pomezia ha dapprima affiancato i militari con la perquisizione delle case degli indagati, per poi procedere autonomamente con 13 ulteriori controlli di case e società intestate sempre agli stessi individui.

Queste perquisizioni si sono rese necessarie per acquisire elementi in merito ai reati di autoriciclaggio, bancarotta fraudolenta e omesse dichiarazioni al pagamento delle imposte.

–> Leggi anche Auto di lusso rubata e rivenduta per milioni di euro: arrestato dopo 20 anni

–> Leggi anche Usa le mascherine per nascondere la droga: arrestato dalla polizia

Per i “cravattari”, in gergo romano, tratti in arresto dalle forze dell’ordine i reati a loro contestati sono quelli, pesantissimi, di estorsione e usura in concorso.