Laura Pausini, la lotta contro il cancro insieme alla figlia: il gesto enorme

La star della musica italiana si è schierata in prima linea nella lotta contro il cancro insieme a sua figlia. Ecco il loro magnifico gesto

L’ultima annata è stata estremamente positiva per la Pausini, la quale è arrivata a sfiorare la vittoria del Premio Oscar grazie al suo brano intitolato “Io si (Seen)”, tradotto anche in inglese, spagnolo, francese e portoghese.

 

Laura Pausini (Instagram)

Il pezzo è stato scelto come colonna sonora di “La vita davanti a sé”, film diretto dal regista e sceneggiatore Edoardo Ponti, il quale ha riadattato l’omonimo romanzo attraverso questa pellicola uscita nell’ottobre del 2020. Nonostante il mancato successo Laura può definirsi comunque estremamente soddisfatta, essendo riuscita a comporre un capolavoro che resterà lo stesso nella storia del cinema e della musica.

Nel 2022 è attesa invece l’uscita del documentario riguardante la sua vita. L’annuncio è arrivato qualche mese fa dal settimanale statunitense “Variety”, il quale ha definito l’artista nata a Faenza come la “regina del pop italiano”.

Leggi qui -> Maria De Filippi, prima della tv voleva fare altro: il suo “fallimento” | Ecco di cosa si tratta

Leggi qui -> Antonella Elia, il pesante tumore che l’ha colpita: “Una bomba che ti può esplodere da un momento all’altro”

Il bellissimo gesto di Laura Pausini e di sua figlia

Nel febbraio del 2013 la Pausini è diventata mamma. Insieme al produttore artistico Paolo Carta infatti, l’artista ha messo al mondo una bambina di nome Paola.

È proprio insieme a quest’ultima che si è resa protagonista di una splendida iniziativa a favore della lotta contro il cancro infantile. Il progetto a cui la cantante ha aderito è quello realizzato dall’associazione spagnola con sede a Madrid “Juegaterapia”, per il quale lei e la piccola Paola hanno disegnato una bambola chiamata “Baby Pelones”.

Laura Pausini (Instagram)

Tramite la piattaforma di Twitter, Laura ha incentivato i suoi numerosissimi fans a seguire il suo esempio: “Eccoli, sono arrivati in Italia i Baby Pelones, le bambole ispirate ai bambini con il cancro. Da Rocco Giocattoli e la Giraffa Giocattoli potete trovare quella con il fazzoletto disegnato da me e da mia figlia Paola. Con ogni acquisto di una bambola aiuterete la fondazione juegaterapia.org per la lotta contro il cancro infantile”.

Qualche mese dopo, la quarantasettenne romagnola si è detta soddisfatta dei risultati dell’iniziativa e, al tempo stesso, orgogliosa di averne fatto parte insieme a sua figlia, con la quale ha dato il suo grande apporto a favore di una causa tanto nobile e lodevole, dimostrando ancora una volta tutto il suo buon cuore.