J Ax, la confessione sulla drammatica situazione che l’ha colpito: “La morte da vicino”

Il noto rapper italiano si è reso autore di una confessione in cui ha rivelato di aver vissuto una situazione delicatissima

Alessandro Aleotti, in arte J-Ax, di recente ha concesso un’intervista in cui ha parlato di vari aspetti della sua vita, sia in merito alla sfera personale che a quella professionale.

 

J Ax (Instagram)

Nel 2007 ha sposato la modella americana Elaina Coker, dalla quale ha avuto un figlio che si chiama Nicolas. Loro sono gli affetti più cari per il cantante milanese, diventato famoso ai tempi in cui era il frontman degli “Articolo 31”. Nel settembre del 2020 ha pubblicato quello che fino ad ora è il suo ultimo album, dal titolo “Uncool E Proud”, all’interno del quale è possibile ascoltare dieci tracce inedite.

In vista della prossima stagione invece, J-Ax dovrebbe essere confermato come giudice di “All Together Now”, talent show condotto dalla splendida Michelle Hunziker. Al suo fianco ci saranno ancora una volta Francesco Renga, Anna Tatangelo e Rita Pavone.

Leggi qui -> Antonella Elia, il pesante tumore che l’ha colpita: “Una bomba che ti può esplodere da un momento all’altro”

Leggi qui -> Maria De Filippi, prima della tv voleva fare altro: il suo “fallimento” | Ecco di cosa si tratta

La durissima confessione di J-Ax

Anche il rapper di Milano è stato vittima del Covid, come raccontato dallo stesso durante il corso di un’intervista rilasciata sulle colonne de “Il Corriere”.

“Avevo mal di ossa, ma era un mal di ossa mai provato prima, mal di stomaco, ma un mal di stomaco mai provato prima, lo stesso con il mal di testa. Era qualcosa di esageratamente più forte rispetto a come siamo abituati: la sensazione è che il tuo sistema immunitario sta affrontando qualcosa a cui non era abituato. Lo avverti proprio”, le parole con cui J-Ax ha descritto i sintomi della malattia.

J Ax (Instagram)

La sua paura più grande, come ammesso da lui stesso, è stata quella di lasciare la moglie e, soprattutto, il suo bambino, motivo per cui si è affidato alla fede ed alle preghiere, nonostante abbia ammesso di essere un cristiano non praticante, così come molti altri italiani.

“Il mio è un discorso semplice: qualsiasi uomo, anche il più ateo, quando vede la morte da vicino si appella a qualcosa di superiore: può essere Dio o ogni altra entità a cui ti aggrappi”, ha chiosato il cantante al termine della lunga intervista di cui si è reso protagonista.