Lunetta Savino, la dura guerra contro il cancro: il gesto estremo dell’attrice

L’apprezzatissima attrice pugliese si è resa protagonista di un bellissimo e significativo gesto nella lotta contro il cancro

Una volta terminati gli studi, la Savino si è subito immersa nel mondo della recitazione, frequentando un’importante scuola di teatro nel capoluogo dell’Emilia Romagna.

 

Lunetta Savino (Instagram)

Verso l’inizio degli anni ottanta ha partecipato alla sua prima pellicola cinematografica, una commedia drammatica diretta dal regista e scrittore italiano Francesco Laudadio che si intitola “Grog”. I suoi primi successi sono poi arrivati in fretta, anche grazie ad importanti collaborazioni con nomi di un certo spicco del cinema made in Italy, del calibro di Neri Parenti, Nanni Loy e Cristina Comencini.

L’apice della sua carriera e della sua notorietà lo ha raggiunto invece per mezzo della sua interpretazione del personaggio di “Cettina”, all’interno della famosissima serie tv “Un medico in famiglia”, nella quale ha recitato al fianco di Lino Banfi e del protagonista Giulio Scarpati per più di un decennio.

Leggi qui -> Antonella Clerici, il tradimento che l’ha sventrata: nessuno poteva saperlo

Leggi qui -> Maria De Filippi, prima della tv voleva fare altro: il suo “fallimento” | Ecco di cosa si tratta

Il gesto eccezionale di Lunetta Savino

Oltre alla sopracitata serie però, Lunetta ha avuto altre esperienze di prim’ordine nel corso degli anni, a partire dalla sua partecipazione ad un paio di film di Ferzan Ozpetek, cioè “Saturno contro” e “Mine vaganti”, distribuiti nelle sale rispettivamente nel 2007 e nel 2010.

In seguito l’attrice nata a Bari ha preso parte alle riprese di “Scusate se esisto” di Riccardo Milani e, ancor più recentemente, ha recitato una parte nella pellicola diretta da Christian De Sica “Amici come prima”, nella quale abbiamo assistito al ritorno della coppia composta dall’attore romano e dal suo collega ed amico Massimo Boldi.

Lunetta Savino (Instagram)

In merito alla sua sfera personale invece, la sessantatreenne è madre di un figlio che si chiama Antonio, nato dal matrimonio terminato nel 1994 con l’attore italiano Franco Tavassi. Da sempre ha mostrato di essere una donna estremamente sensibile e vicina alle persone più in difficoltà, tanto che qualche tempo fa ha deciso di schierarsi in prima linea nella lotta contro il cancro.

La Savino è diventata infatti un’ambasciatrice dell’Airc, l’associazione italiana per la ricerca sul cancro, alla quale ha lasciato una parte della sua eredità. Il suo impegno è rivolto soprattutto ai più piccoli che si trovano a combattere contro una malattia così dura, infatti i suoi soldi sono destinati principalmente allo sviluppo di alcuni progetti pediatrici.