Adriano Celentano, il dramma che l’ha colpito: “Non riuscivo più a parlare”

Il Molleggiato è stato colpito da un durissimo dramma che gli ha causato una forte apprensione. Ecco cosa gli è successo

Idolo di milioni di appassionati di musica, Celentano con le sue canzoni ha scritto letteralmente delle pagine di storia. Artista a tutto tondo, in quanto oltre ai capolavori da lui incisi si è dedicato anche al cinema ed alla tv.

 

Adriano Celentano (Instagram)

Alcune sue interpretazioni sono rimaste bene impresse nell’immaginario collettivo, come quella di “Rugantino” o anche quella di “Asso”, all’interno delle omonime pellicole dirette rispettivamente da Pasquale Festa Campanile e da Castellano e Pipolo. Tuttavia è con la sua voce che ha conquistato e stregato intere generazioni, tanto che ancora al giorno d’oggi è ritenuto uno dei più grandi cantanti italiani di sempre.

Come facilmente immaginabile per un personaggio del suo calibro, anche la sua vita privata ha sempre destato molta curiosità. Lui insieme a sua moglie Claudia Mori compongono quella che in molti definiscono “La coppia più bella del mondo”, appellativo che gli è stato assegnato proprio in virtù del titolo di una canzone di Adriano.

Leggi qui -> Adriano Celentano, il tumore che l’ha fatto vacillare: la dura prova del cantante

Leggi qui -> Paolo Bonolis allontanato dal funerale di Gigi Proietti: esce tutta la verità dopo mesi

La grande preoccupazione di Adriano Celentano

Dall’amore tra Claudia ed Adriano sono venuti al mondo tre figli, due femmine ed un maschio, ovvero Rosita, Rosalinda e Giacomo. Tutti quanti collaborano nell’azienda di famiglia, l’etichetta discografica del “Clan Celentano”, di cui tra l’altro la Mori ne è l’amministratrice delegata a partire dal 1991.

Tra i membri del “Clan” c’è sempre stato amore e rispetto, anche se la pace è stata turbata qualche tempo fa a causa di alcuni problemi di salute dell’unico erede maschio di Celentano. Giacomo infatti, ha fatto preoccupare molto i suoi genitori ed i suoi fratelli.

Giacomo Celentano (Instagram)

“Ho impiegato più di mezz’ora a spiegare a mio padre la mia situazione. Non riuscivo a respirare, e questo mi impediva anche di parlare”, ha confessato l’uomo che poi ha affrontato con precisione l’argomento nel suo libro intitolato “La luce oltre il buio”. Dopo una serie di visite mediche però, è emerso che Giacomo soffrisse semplicemente di ansia, la quale gli ha provocato la sensazione spiacevole della mancanza di respiro.

Ovviamente questo appena descritto non è l’unico sintomo percepito dal figlio di Adriano, il quale per fortuna è riuscito a superare quei momenti di crisi, anche per merito di una riscoperta fede cristiana. Per quanto la sua credenza fosse forte, aveva quasi pensato di diventare prete, ipotesi naufragata quando ha conosciuto sua moglie Katia.