Fabrizio Moro, il dettaglio piccante: non lo facevo più per questo

Fabrizio Moro si è reso autore di un’intervista fiume, nel corso della quale si è aperto svelando alcuni retroscena alquanto personali

Il talentuoso cantautore nato a Roma sarà impegnato a breve in un’esibizione all’interno della suggestiva Arena di Verona, dove è stato invitato in occasione dei trenta anni di carriera di Marco Masini, che ha chiamato con sé diversi personaggi del mondo della musica.

 

Fabrizio Moro (Instagram)

Oltre a Fabrizio infatti, saranno presenti artisti del calibro di Umberto Tozzi, Luca Carboni, Giuliano Sangiorgi, Annalisa, Ermal Meta ed altri ancora. Proprio insieme a quest’ultimo, Moro ha trionfato nella sessantottesima edizione del Festival di Sanremo. I due cantanti hanno portato sul palco del Teatro Ariston il brano intitolato “Non mi avete fatto niente”, il quale gli è valso la vittoria posizionandosi davanti a “Lo Stato Sociale”.

Fin dai suoi primi esordi, il quarantaseienne ha sempre dimostrato di essere una persona molto profonda, come evidenziato dalla qualità e dalla serietà dei testi delle sue canzoni, che spesso trattano tematiche sociali di primaria importanza.

Leggi qui -> Marcella Bella, la confessione sulla malattia lacerante: “L’ictus ha colpito metà del suo volto”

Leggi qui -> Sapete quanto guadagna Luca Laurenti? La spalla di Bonolis non invidia il suo amico

Ecco il dettaglio piccante svelato da Fabrizio Moro

Nel corso di un’intervista concessa al settimanale “DiPiù Tv”, Fabrizio ha confessato di aver passato un brutto periodo nella sua vita caratterizzato da droga ed alcool, ma per fortuna ad un tratto ha trovato la forza di uscire dal tunnel.

“Ho iniziato a diciotto anni: con gli amici andavo in discoteca e prendevo pasticche, tipo l’ecstasy, per ‘sballare’. E l’alcool scorreva a fiumi. Poi a ventisette anni ho smesso”, le parole con cui Moro ha tirato fuori tutti gli scheletri dall’armadio.

Fabrizio Moro (Instagram)

Purtroppo però, quello stile di vita ha portato anche altre conseguenze al cantautore, il quale è finito vittima dell’ipocondria, ovvero la costante paura di contrarre malattie mortali: “Ho il terrore della morte. A un certo punto ho iniziato a stare male, mi sentivo debole. Sono andato a fare le analisi del sangue. E i risultati mi hanno spaventato”.

Come se non bastasse però, l’artista ha sofferto per via di un’ulteriore problematica, cioè quella nei confronti del gentil sesso: “Pure con le donne avevo problemi. Per paura delle malattie, non volevo più fare l’amore”, ha affermato Fabrizio, che subito dopo ha concluso: “Ho rinunciato al sesso per un bel po’”.