Francesca Neri, la malattia rarissima che le ha distrutto la vita: dolori lancinanti

La nota attrice italiana si è aperta nel racconto della malattia rara che ha devastato completamente la sua esistenza

Nata a Trento nel febbraio del 1964, Francesca si è trasferita nella nostra capitale per studiare al Centro sperimentale di cinematografia, dove è riuscita ad affinare le sue tecniche recitative prima di debuttare sul grande schermo verso la seconda metà degli anni ottanta.

 

Francesca Neri (Instagram)

Il primo film a cui ha partecipato si intitola “Il grande Blek”, con regia di Giuseppe Piccioni. Successivamente ha inanellato una serie di partecipazioni a diverse pellicole, alcune delle quali di gran successo, come ad esempio quella diretta dal grande Massimo Troisi “Pensavo fosse amore… invece era un calesse”, la quale tra l’altro le è valsa la conquista del Nastro d’Argento come miglior attrice protagonista.

Il medesimo premio lo ha ricevuto anche per merito della sua presenza all’interno delle riprese della commedia drammatica di Pupi Avati “Il papà di Giovanna”, anche se questa volta in qualità di miglior attrice non protagonista.

Leggi qui -> Ambra Angiolini, rivela tutti i suoi sentimenti per Renga: l’enorme rivelazione

Leggi qui -> Antonella Elia, il pesante tumore che l’ha colpita: “Una bomba che ti può esplodere da un momento all’altro”

La rarissima malattia di Francesca Neri

La cinquantasettenne trentina è sposata con un volto conosciutissimo del cinema italiano, ossia Claudio Amendola, con cui è convolata a nozze nel 2010 dopo oltre dieci anni di fidanzamento. Nel 1999 la coppia ha dato vita ad un figlio di nome Rocco, terzogenito per l’attore e primo per sua moglie.

Soltanto qualche giorno fa, Francesca è stata invitata nel salotto di “Verissimo”, dove ha parlato tra le varie cose della grave malattia che l’ha allontanata dalle scene e dell’aiuto che il suo uomo non le ha mai fatto mancare in alcun momento.

Francesca Neri e Claudio Amendola (Instagram)

La patologia da cui è affetta è la cistite cronica interstiziale: “Tutto è iniziato almeno cinque anni fa e la fase acuta della malattia è durata tre anni. Non ho mai avuto paura della sofferenza, ma il dolore fisico costante mi ha fatto perdere il controllo e il contatto con la realtà”. Come leggiamo dalle sue parole, l’attrice ha sofferto tantissimo a causa dei dolori lancinanti, che per un istante hanno addirittura portato a farle prendere in considerazione l’ipotesi di farla finita una volta per tutte, soprattutto per non dare un peso alla sua famiglia.

Nonostante i suoi tentativi di allontanare Claudio, quest’ultimo non si è mai tirato indietro, restando al suo fianco per tutto il tempo: “Vedevo la sua difficoltà e il suo dolore e mi faceva male. Lo volevo allontanare da me per proteggerlo, invece lui c’è sempre stato e questa cosa dopo venticinque anni mi ha sorpreso”, la chiosa della Neri che al giorno d’oggi sta molto meglio, anche se l’idea di un possibile ritorno sul set sembra ancora un’ipotesi alquanto improbabile.