Attimi di violenza negli studi Rai, Panariello preso per il collo: “Sei già morto”

Il noto attore comico nato a Firenze è stato letteralmente preso per il collo da un suo collega. Ecco i dettagli della vicenda

Giorgio ha mosso i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo verso gli anni ottanta, quando ha iniziato ad esibirsi in alcuni locali di cabaret, mettendo immediatamente in luce la sua simpatia e la sua innata abilità per quel che riguarda le imitazioni.

 

Giorgio Panariello (Instagram)

La sua prima apparizione sulle frequenze dei canali nazionali risale invece al 1991, quando ha preso parte alle riprese di “Stasera mi butto”. Al termine di quella che è stata la seconda edizione del format targato Rai, condotta all’epoca da Pippo Franco e da Heather Parisi, Panariello è stato eletto vincitore.

Per l’attore si è trattato di un vero e proprio trampolino di lancio, dato che nel giro di poco tempo ha cominciato a calcare sempre più spesso sia la scena televisiva che quella cinematografica, facendo il suo debutto sul grande schermo nel 1995 tramite la sua partecipazione alla pellicola intitolata “Cannibali”, diretta dal regista italiano Massimiliano Iacono.

Leggi qui -> Giorgio Panariello, la malattia che l’ha colpito: “Una cosa piuttosto seria”

Leggi qui -> Carlo Conti tra lavoro e privato. Le confessioni lasciano a bocca aperta

Momenti di tensione negli studi Rai

Dopo il successo riscosso nella passata stagione, Panariello è stato confermato alla guida anche della seconda edizione di “Lui è peggio di me”. Il programma, trasmesso sulle frequenze dei canali Rai, è una sorta di talk show dove vengono invitati ospiti famosi provenienti da ogni settore.

Al fianco di Giorgio c’è un altro volto estremamente noto agli occhi del pubblico italiano, ovvero quello di Marco Giallini, attore romano protagonista della serie tv “Rocco Schiavone”. Nonostante le nette differenze tra i due personaggi, la coppia da loro composta sembra essere affiatata e ben assortita, regalando ai telespettatori dei momenti di alto intrattenimento.

Giorgio Panariello e Marco Giallini (Instagram Stories)

Nella giornata di ieri invece, Panariello ha pubblicato una storia sulla piattaforma di Instagram, all’interno della quale è possibile vedere una scena di violenza. Giallini, infatti, ha tenuto per il collo il suo collega, che dalla sua posizione ha esclamato: “M’ammazzi”. Marco, dal suo canto, non ha mollato la presa replicando: “Sei già morto”.

Per chi non l’avesse intuito però, naturalmente si è trattato solo di una simpatica gag, messa in atto durante le prove antecedenti alla messa in onda della trasmissione. I due conduttori del programma infatti, sono in grado di abbinare il loro lavoro svolto con professionalità ad alcuni attimi di puro divertimento, chiaro segnale di un affiatamento in costante crescita.