Meghan Markle, gli effetti devastanti del suo addio: “È stata una tragedia”

L’uscita dalla Royal Family da parte di Harry e Meghan ha avuto delle pesantissime ripercussioni. Andiamo a scoprire i dettagli

La scelta del principe Harry e della duchessa di Sussex è stata annunciata ormai quasi due anni fa, per la precisione nel mese di gennaio del 2020. L’ufficialità tuttavia è arrivata lo scorso aprile, quando finalmente si è concretizzata la cosiddetta “Megxit”.

 

Harry e Meghan (Instagram)

Da allora però, le polemiche che si protraggono da tempo non si sono assolutamente estinte, anzi se possibile sono addirittura aumentate. L’intervista bomba che la Markle ha rilasciato insieme a suo marito ai microfoni della nota conduttrice statunitense Oprah Winfrey ha avuto l’effetto di un terremoto.

Il motivo deriva dalla pesantissima accusa che la coppia ha rivolto nei confronti di Buckingham Palace. L’ex attrice infatti, ha puntato il dito contro alcuni membri della casata Windsor, affermando che suo figlio Archie è stato oggetto di episodi di razzismo a causa del colore della sua pelle.

Leggi qui -> Kate Middleton tuona contro Harry e Meghan. A far discutere è la piccola Lilibet

Leggi qui -> Harry e Carlo pace fatta? La Royal Family tra amore ed odio

La “tragedia” scaturita dalla Megxit

Dopo l’abbandono dalla famiglia reale, il principe britannico e la sua consorte si sono trasferiti oltreoceano, andando a vivere nello stato americano della California insieme ai loro due bambini.

I motivi che hanno portato la coppia a compiere una scelta tanto eclatante sono stati discussi a lungo, fino ad arrivare alle ipotesi più disparate. Tra le più accreditate c’è ad esempio quella secondo cui tra Harry e suo fratello William non corresse buon sangue già da tempo, anche se in molti credono che sia stata la stessa Meghan in realtà a spingere tanto verso l’addio.

Meghan Markle (Instagram)

Recentemente invece, il noto biografo reale Andrew Morton è intervenuto sulla vicenda, dall’alto della sua ampia conoscenza in materia. Secondo quest’ultimo, in principio la Markle avrebbe fatto di tutto pur di integrarsi all’interno della casata Windsor, compresa la conversione alla Chiesa anglicana. Purtroppo nemmeno questo gesto è stato sufficiente a garantire dei rapporti sereni, fino alla definitiva rottura che ormai sembra sempre più insanabile.

Stando alle parole di Morton, riportate anche da Vanity Fair, l’abbandono della coppia “è stata una tragedia” per il resto dei componenti della famiglia, in quanto “hanno perso un membro importante, capace di connetterli con una parte della popolazione per loro irraggiungibile”. Probabilmente il biografo britannico non è l’unico a pensarla in questo modo, però tuttavia bisogna anche prendere atto di una decisione che risulta chiaramente incontrovertibile.