LAVORO

Published on Novembre 18th, 2013 | by admin

Concorsone all’italiana

In linea con i concorsi italiani e con i malumori sempre più intrinsechi in un paese che non riesce a rialzarsi, partono le proteste per il concorsone, candidati in piazza con la “protesta delle buste” : “tutte scuse per non assumerci”.

Ma cosa è successo a questo concorso che doveva assumere diversi giovani? Semplicissimo, a quanto si apprende il concorso non tutelerebbe la privacy, la metodologia non garantirebbe l’anonimato come dice il sindaco Marino, tutto ciò porterebbe a non convalidare le prove e a renderle nulle.

Il problema della privacy sarebbe riconducibile alle buste trasparenti utilizzate per il concorso, una trasparenza che potrebbe portare alla non validità del concorso che fin ad oggi era stato superato da circa 30000 persone per un totale di 2000 posti lavorativi da assegnare.

Loading...

In piazza si son ritrovate migliaia di persone a protestare tutte sotto un unica bandiera, quella della giustizia, tantissimi striscioni inneggiano alla non volontà del comune di assumere i vincitori, altri parlano di un trucco per rinviare il tutto e favorire le solite persone raccomandate dai politici che non sarebbero riuscite a passare. 

In un Paese dove il lavoro è sempre meno e la fiducia verso le istituzioni diminuisce in maniera esponenziale, sicuramente questo ennesimo scandalo non incita alla fiducia verso quelle Istituzioni che non riescono a rendere limpido e chiaro un semplice concorso.

Alla faccia della trasparenza!

Tags: , ,


About the Author

admin

Fondatore e Webmaster di CheSuccede.it , partecipa pure lui con i suoi articoli.



Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!